post

Terza d’andata

La squadra delle meraviglie

SC Gravina – Barcellona: 88/68
Parziali: 31-22, 53-41 (22-19); 71-59 (18-18), 88-68 (17-9).

Sport Club Gravina: Sortino 10, Barbera © 12, Ceorcea 2, Garello 27, Spina 6, Florio 18, Santonocito 11, Alì, Zambataro, Renna 2. All. Marchesano. Vice: Lazzara.
Orsa Basket Barcellona: Gaipa, Golubovic 2, Bucci © 16, Grbic 12, Todorovic, Seye 7, Sandal 5, Antoniani ne, Angius, Bergaudas 19, Bangu Mbenza 7. All. Biondo. Vice: Pirri.
Arbitri: Lorefice e Mameli. Udc: Allegra, Trovato e Cannata.

Tre vittorie nelle prime tre partite in Serie C1 il Gravina non le aveva mai ottenute. Anzi, battendo l’Orsa Barcellona la compagine allenata da coach Peppe Marchesano ha eguagliato il record societario di striscia positiva in C1, stabilito in tre occasioni (Ragusa, Palmi e Paceco, 10-24 novembre 2002; Gioiese, Erice e Soverato 8-22 dicembre 2002 e Vis, Rosarno e Gela 6-22 novembre 2011). Anche questa volta è stata una vittoria del gruppo, in cui le star sono state ancora una volta Valentín Garello e Alessandro Florio, ma in cui essenziale è stato l’apporto difensivo di Gianluca Barbera, francobollo della superstar Ryan Bucci, e Simone Spina. Con Dario Sortino ed Enzo Santonocito decisivi per gli equilibri del quintetto, coach Marchesano guarda oggi dall’alto tutte le avversarie: per una sera, Gravina è l’unica squadra a tre vittorie dell’intera C Gold-Fathallah.

È evidente che Barcellona ha molte potenzialità ma ancora ha molto da lavorare sull’amalgama. Non solo Arminas Bergaudas è un tiratore implacabile, se bene innescato, e Bucci ha solo da scrollarsi da dosso le ragnatele di quattro anni d’inattività per tornare a essere quel devastante leader che ha fatto la storia del Basket Barcellona e non solo, ma ci sono tanti giovani che possono crescere: Babacar Seye è un lungo polivalente, jolly difensivo importante, Luka Grbic ha dimostrato un’acume tattico notevole. Sugli altri c’è ancora da lavorare, sicuramente.

La partita è stata subito segnata da ritmi altissimi, tanti canestri e azioni travolgenti. Con Garello e Bucci imbrigliati dalle difese, sono tutti gli altri che devono alternarsi a dimostrare il loro valore. Così ecco che Florio si dimostra ancora iperattivo, autore alla fine di tre triple e di tanto lavoro oscuro su Bergaudas, Barbera-Spina-Sortino dominano sul perimetro e Santonocito fa a sportellate con Seye.

Il break da cui l’Orsa non si risolleva più arriva nel secondo quarto, consolidando quel +9 conquistato dopo i primi lunghissimi 10′. Gravina incrementa progressivamente il divario, giungendo massimo fino al +23 (82-59). Barcellona ci prova con le sue stelle, ma subisce un gran numero di contropiede, non riesce a contenere Garello che sale di ritmo ed è come sempre immarcabile. Capitan Bucci ci prova fino all’ultimo, ma è Gravina ad esultare con l’ennesimo selfie di Andrea Arena, davanti a un PalaCus che ha tifato con passione.

Infine, è stata la giornata del ricordo per Haitem Fathallah, a cui la FIP Sicilia ha meritoriamente dedicato il nome del campionato siculo-calabro e che i giocatori hanno ricordato in campo con un minuto di silenzio. È inoltre partita la raccolta fondi a favore di un progetto per onorarlo, nella sua Agrigento. Le toccanti interviste post partita a Barbera e Spina lo ricordano a dovere.

Roberto Quartarone

SCG

# Giocatore PTS FF FS TLM TLA TL% 2PM 2PA 2P% 3PM 3PA 3P% RBA RBD RBT BLK PR PP AST HG
9Sortino Dario100122100.01250.02540.000001010
10Barbera Gianluca12232366.72450.022100.003305130
11Ceorcea Alexandru2000001250.000000001200
13Garello Valentin273344100.0101855.611100.024607520
17Spina Simone6210003650.000011202050
21Florio Alessandro 18121425.04666.73933.334701210
22Santonocito Enzo114571070.02450.0030.0281002310
34Alì Giovanni040000000020.004401200
41Zambataro Luca00000000000000000100
50Renna Antonio2200001250.0020.000005200
 Totale881815162369.6244454.582433.38243202518130

OR.SA.

PTS FF FS TLM TLA TL% 2PM 2PA 2P% 3PM 3PA 3P% RBA RBD RBT BLK PR PP AST HG
00000000000000000000
post

Seconda d’andata

Squadra rivelazione del campionato? No grazie!

Melfa’s Gela – SC Gravina: 75/84 OT
Parziali: 29-22, 41-36 (12-14), 52-50 (11-14), 68-68 (16-18), 75-84 (7-16).

Melfa’s Gela: Kuzmanovic, Tinto 12, Radovic, Milekic 18, Vancheri, Moricca, Caiola E. 28, Caiola G. 9, Gazzillo 3, Longo 5. All. Bernardo.
Sport Club Gravina: Sortino 16, Barbera 9, Ceorcea 4, Garello 29, Spina 4, Florio 13, Alì 7, Renna 2. Zambataro, Mastrandrea. All. Marchesano. Vice: Lazzara.
Arbitri: Filesi P. e Filesi M. Udc: Lentini, Abate e Rizza.

Il Gravina insegue per 40 minuti il Gela, poi conquista il supplementare e vince negli ultimi cinque minuti, piazzando un break da 7-16. Decisivo ancora Valen Garello, che sfiora il trentello e sopperisce anche all’assenza di Santonocito con 8 rimbalzi e 8 recuperate. Due triple per Sortino e una a testa per Florio e Barbera (anche per il capitano 8 recuperate), e la truppa di Marchesano chiude alla grande la seconda partita stagionale.

da Basket Catanese

Squadra rivelazione del campionato? No grazie!
Lo Sport Club Gravina di coach Marchesano, edizione numero sette, dimostra di avere un alto quoziente di autostima ma è ben lontano dall’essere supponente.
Anche questo è il segnale chiaro di un progetto che, tra mille difficoltà, va avanti.
La nostra stagione è cominciata in salita, condizionata da infortuni, impegni di lavoro e di studio, ma nel corso della settimana si lavora duramente in un clima sereno, anche quando sembra che manchi il “numero legale” per parlare di tattica e di schemi. Mi chiedo quanta influenza abbia la presenza dell’argentino Garello nel nuovo scacchiere di Marchesano…
Valen è uno che ad oggi viaggia alla media di 28,5 punti a partita e si è integrato nel gruppo con impressionante velocità, gioca le due fasi con intensità fuori dal comune, sempre pronto a dispensare incoraggiamento ai compagni, anche nei gesti.
Ma è tutta la squadra che mette in evidenza una forza mentale nettamente superiore al talento del gruppo.
A Gela, con Enzo Santonocito grande assente (senza dimenticare gli infortunati Spampinato, Motta e Privitera ), tutti hanno portato il loro mattone per costruire una vittoria da incorniciare: Alex Ceorcea lanciato in quintetto per sostituire Santonocito, Garello top scorer della partita, Barbera e Florio sempre presenti nelle fasi più roventi, Sortino che, alternandosi con Spina provato dalla fatica di un match durissimo, ha segnato punti pesanti nell’over time, Renna grande in difesa, Alì che è tornato ad essere l’uomo essenziale quando c’è da stringere i denti.
È troppo presto per esprimere giudizi?
Può darsi ma non vanno sottovalutati i segnali che giungono da una squadra che acquisisce fiducia nei propri mezzi, che è accompagnata da una sicura guida tecnica e che con il recupero di uomini importanti potrà fare un ulteriore salto di qualità.
Senza voli pindarici, in sintonia con la politica societaria.

Comunicato Sport Club Gravina

Melfa

PTS FF FS TLM TLA TL% 2PM 2PA 2P% 3PM 3PA 3P% RBA RBD RBT BLK PR PP AST HG
00000000000000000000

SCG

# Giocatore PTS FF FS TLM TLA TL% 2PM 2PA 2P% 3PM 3PA 3P% RBA RBD RBT BLK PR PP AST HG
9Sortino Dario1611020.05771.42633.301104200
10Barbera Gianluca9234666.71425.01911.103308210
11Ceorcea Alexandru41000022100.000002202000
13Garello Valentin29155862.5121963.2020.017808630
17Spina Simone443010.02366.700001107550
19Mastrandrea Angelo Luciano00000000000000000000
21Florio Alessandro13246966.72633.31520.034707210
34Alì Giovanni74111100.03475.0020.006602000
41Zambataro Luca00000000000000000000
50Renna Antonio22100011100.0010.000005300
 Totale841718162759.3284660.942516.04242804320100
post

Pronti alla Serie D con i nostri giovani

Dopo la sorprendente vittoria dell’ultimo campionato di Promozione, i giovani dello SC Gravina parteciperanno alla Serie D allenati da coach Gianluca Spina.
Giocheranno al PalaSport di via Don Bosco a Gravina soltanto con giocatori cresciuti nel proprio settore giovanile e Gabriele Patanè che è cresciuto tra L’Elefantino e Alfa ma dopo la passata stagione in C Silver è volentieri rimasto in “famiglia”. Ecco l’intervista al coach realizzata da Roberto Quartarone