post

Terza di ritorno

Gravina regge 25′ a Messina contro la Basket School

Gold & Gold Messina – SC Gravina: 72/51
Parziali: 16-18, 15-10 (31-28); 21-10 (52-38), 20-13

Gold & Gold Messina: Sidoti A. 4, Genovese 4, Doria 2, Olivo, Scimone, Manfrè 19, Tartamella 10, Arena, Sidoti E. 2, Busco 10, Pocius 4, De Angelis 19. Allenatore: Pippo Sidoti. Assistente: Francesco Paladina
Sport Club Gravina: Patanè, La Mantia 9, Barbera 5, Ceorcea, Spina 7, Mastrandrea, Florio 6, Santonocito 13, Privitera n.e., Alì, Zambataro, Renna 5. Allenatore: Giuseppe Marchesano. Assistente: Fabio Lazzara
Arbitri: Giorgio Palazzolo di Partinico e Antonino Scuderi di Capaci

La Gold & Gold Messina conquista la quarta vittoria consecutiva, settima stagionale, superando al “PalaMili” un generoso Sport Club Gravina per 72-51. Il successo sugli etnei permette agli Scolari di rimanere in scia alle squadre di testa, con una gara da recuperare in quel di Gela. Il 72-51 finale penalizza il Gravina che nei primi venticinque minuti di gioco ha dato filo da torcere ai giallorossi, ma la vittoria dei ragazzi del duo Sidoti-Paladina non fa una grinza. Infatti, una volta piazzato il break decisivo, Scimone e compagni giocano sul velluto, dando la possibilità al coach di mandare in campo tutti gli under a disposizione. In evidenza i soliti De Angelis e Manfrè, autori di 19 punti a testa, bene Tartamella che, oltre a difendere su Santonocito, va per la prima volta in doppia cifra (10) e un ritrovato Busco, anche lui mette 10 punti ma i suoi progressi sono sotto gli occhi di tutti.

La gara è combattuta e molto equilibrata, Gravina cerca di superare il momento negativo mettendo in campo tanto cuore e l’esperienza dei suoi alfieri, la Basket School Messina non approccia al meglio la gara, con Pocius in ombra Pippo Sidoti si affida a Tartamella che lo ripaga con una prestazione di sostanza. Nel primo periodo squadre sempre a contatto, la differenza la fanno le conclusioni da tre punti. Inizia Florio e lo imitano Renna e La Mantia, Messina predilige il gioco interno ma con Pocius poco preciso, stenta a decollare. Sono Busco, Manfrè ed un positivo Tartamella a tenere in linea di galleggiamento i padroni di casa che chiudono in svantaggio (16-18) al 10’. Nel secondo periodo la Gold & Gold difende meglio, ma non trova la giusta continuità in attacco. I quattro punti del nuovo entrato Genovese e i sei di Tartamella regalano il +5 (26-21) ai messinesi che non riescono a scrollarsi di dosso gli avversari, orfani del loro leader Santonocito, costretto alla panchina per falli. Quando rientra in campo Santonocito, Gravina si rimette in carreggiata grazie anche a Spina (26 pari). Il primo tempo si conclude sul 31-28 grazie alla tripla di De Angelis e alla penetrazione di Manfrè inframezzati dai liberi di Santonocito.

Al ritorno in campo la Gold & Gold sembra poter prendere in mano il match, Pocius si sblocca anche dal campo e mette il canestro del 36-30 ma il Gravina non molla e si riporta in parità (38-38) dopo il tecnico chiamato a Nino Sidoti con libero trasformato da Florio ed il bel reverse di Barbera. Gli ultimi cinque minuti del terzo parziale sono fatali agli etnei che non vedranno più il canestro avversario. Il gioco da tre di Manfrè (spettacolare reverse più libero) e lo splendido movimento di De Angelis danno il via al break decisivo di 14-0 che deciderà la sfida, proseguendo con i due canestri fotocopia di Nino Sidoti in penetrazione e i cinque punti consecutivi di un sontuoso De Angelis che lancia la Basket School sul 52-38.

Nel quarto finale i peloritani giocano sul velluto e trovano modo di regalare qualcosa allo spettacolo. De Angelis e Manfrè trascinano i compagni (bella l’inchiodata in transizione dell’ala pontina ben servita da Tartamella) e la Gold & Gold vola sul 66-41, massimo vantaggio di 25 punti che offre la possibilità al tecnico dei messinesi di far ruotare tutti i giocatori a disposizione. Entrano in campo anche Doria, Elia Sidoti, Olivo ed Arena; ne approfitta anche Marchesano per dare spazio ai suoi ragazzi. Finisce 72-51 con i giocatori del presidente Zanghì a festeggiare al centro del campo, mentre Gravina esce dal “PalaMili” cosciente di aver dato il tutto contro una Basket School che non gli ha perdonato nulla.

Carmelo Minissale – Ufficio Stampa BSM

BK SH Messina

PTS FF FS TLM TLA TL% 2PM 2PA 2P% 3PM 3PA 3P% RBA RBD RBT BLK PR PP AST HG
00000000000000000000

SCG

# Giocatore PTS FF FS TLM TLA TL% 2PM 2PA 2P% 3PM 3PA 3P% RBA RBD RBT BLK PR PP AST HG
6Patanè Gabriele000000030.0010.011211100
7La Mantia Riccardo901020.0010.03475.000001000
10Barbera Gianluca52111100.02366.7050.006603110
11Ceorcea Alexandru00000000000000010000
17Spina Simone70311100.03837.5030.005502300
19Mastrandrea Angelo Luciano2000001250.000000000100
21Florio Alessandro64111100.01250.01714.302200110
22Santonocito Enzo13346875.02633.31520.03101323600
25Privitera Saverio00000000000000000000
34Alì Giovanni22100011100.000000000020
41Zambataro Luca00100000000000001000
50Renna Antonio70100022100.01812.513400200
 Totale51111391369.2122842.963318.2527324111540