post

Decima d’andata

Gravina parte lenta, lotta, rimonta, ma Messina vince

ZS Group Messina – Sport Club Gravina 74-70
Parziali: 19-11, 20-20 (39-31), 15-15 (54-46), 20-24.

ZS Group Messina: Knezevic 9, Olivo ne, Sidoti Al. 7, Kolev ne, Black 19, Scimone 9, Giglia, Mazzù 14, Marabello 4, Corazzon 8, Mazzullo 4. Allenatore: Francesco Paladina
Sport Club Gravina: La Mantia R., Ferrara 9, Minardi 4, La Mantia G. 12, Spina, Santonocito 6, Alì 7, Renna ne, Privitera ne, Saccà 32. Allenatore: Giuseppe Marchesano
Arbitri: Miragliotta e Di Giorgi di Palermo

La ZS Group Messina torna al successo dopo tre sconfitte consecutive, superando per 74-70 un coriaceo Gravina. Basket School che presentava in panchina Francesco Paladina, nuovo assistente di Pippo Sidoti, fermato dal Tar di Catania. Partita tirata fino alla fine, che i peloritani hanno quasi sempre condotto, soltanto nel quarto finale gli etnei hanno messo la testa avanti in due occasioni, ma la voglia di vittoria degli scolari era tanta e alla fine sono riusciti a centrare l’obiettivo. Un successo importante che interrompe il trend negativo e permette ai messinesi di rimanere in piena zona playoff.

All’inizio le difese hanno la meglio sui rispettivi attacchi, si segna con il contagocce. Knezevic e Black vanno a bersaglio, ma Giuliano La Mantia tiene a galla i suoi (9-9). Poi Messina, che deve fare a meno di Knezevic e Mazzullo gravati di falli, si sblocca e nel finale del quarto prende il largo grazie alle giocate Corazzon, Ale Sidoti e Mazzù (19-11). Nella seconda frazione i giallorossi allungano con Marabello e Scimone (26-13). Gravina rimane in scia con Ferrara, Minardi e il solito La Mantia, (30-23). Corazzon regala il +10 Messina (35-25), Saccà riporta a -6 Gravina, ma Black e Sidoti ristabiliscono le distanze. Il canestro di Alì fissa il punteggio sul 39-31 che chiude il primo tempo.

Al ritorno in campo ZS Group nuovamente in doppia cifra di vantaggio con la tripla di Black. I peloritani non riescono a scavare un solco importante sugli avversari che trovano in Saccà un vero e proprio trascinatore. Il vantaggio così si assottiglia (50-46). Ci pensa capitan Mazzù, tornato in campo al posto di Knezevic riportare i suoi sul +8 con quattro punti consecutivi per il 54-46 che chiude il terzo periodo. L’ultimo quarto vede il ritorno del Gravina, trascinato da un super Saccà (32 punti alla fine). Gli etnei operano due volte il sorpasso sul 57-58 e sul 59-60. La bomba di Ale Sidoti, che poi s’infortuna, riporta avanti i peloritani. Dopo il pareggio di Ferrara, mini break di 6-0 griffato Black (4) e Mazzullo, regala il +6 a Messina (68-62). Saccà è l’ultimo a mollare per Gravina, ma il libero di Mazzù e la bomba di Scimone ricacciano sul -8 (72-64) la squadra di Marchesano. In panchina Paladina gestisce il finale con grande calma, nei secondi finali Saccà riavvicina i suoi (73-70), ma ormai manca una manciata di secondi e il libero di Scimone fissa il risultato sul 74-70 per la ZS Group Messina che così può brindare alla sesta affermazione in campionato.

Messina, 2 dicembre 2018

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *